L'associazione

 

Sportello Nazionale Malasanità è un'associazione di esperti in diritto sanitario, impegnata nella tutela dei cittadini che sono rimasti vittima della malasanità e nasce dall'esigenza di assistere e tutelare tutte quelle persone i cui parenti sono deceduti a causa della responsabilità del medico o della struttura ospedaliera o che, per gli stessi motivi, hanno subito un danno grave e desiderano ottenere giustizia.

Lo SPORTELLO si avvale della collaborazione di studi legali esperti e competenti, presenti su tutto il territorio nazionale da ben trent'anni e offre un colloquio GRATUITO per una prima analisi del caso, all'esito del quale le vittime o i loro parenti avranno la possibilità di decidere se procedere, oppure no.

Lo scopo dello SPORTELLO è quello di offrire sicurezza, serenità e il giusto risarcimento se si è stati vittima di malasanità.

In quest'ottica, SPORTELLO MALASANITÀ garantisce l'esito positivo delle vertenze, per tutte le posizioni che prende in carico.

 

COME OPERIAMO

 

1. Contatto del cliente. Chiamando il Numero Verde 800 035 114 o scrivendo a info@sportellomalasanita.it, hai la possibilità di fissare un appuntamento personale con un nostro professionista, presso la nostra sede oppure per un collegamento telematico.

All’interno dello Sportello Operano due distinti Dipartimenti: 

- Dipartimento dI RESPONSABILITÀ MEDICA  

- Dipartimento di RESPONSABILITÀ ODONTOIATRICA.

Il Dipartimento dI RESPONSABILITÀ MEDICA si occupa, in tutta Italia, di tutte le tipologie di responsabilità medica che abbiano causato il decesso della vittima o una grave forma di invalidità permanente.

Tutte queste posizioni vengono seguite senza richieste di esborsi al cliente, né per gli avvocati, né per i medici, i quali vengono pagati in percentuale sul valore della causa, ad esito positivo raggiunto (Pay per result).

Il Dipartimento di RESPONSABILITÀ ODONTOIATRICA si occupa, in tutta Italia, del risarcimento per i danni odontoiatrici subiti.

Per le visite effettuate presso le sedi di Bologna, Roma, Rimini e Milano, tutte queste posizioni vengono seguite senza richieste di esborsi al cliente, né per gli avvocati, né per i medici, i quali vengono pagati in percentuale sul valore della causa, ad esito positivo raggiunto (Pay per result).

Durante l’incontro personale o telematico potrai raccontare la tua storia ed esporre il tuo caso ad un consulente legale, che ne valuta la procedibilità giuridica.

2. Invio o consegna documentazione. Affinché i nostri legali e medici legali possano esprimere un parere motivato, è necessario che possano visionare le cartelle cliniche unitamente a un resoconto dettagliato della vicenda medica che ha portato al decesso o alla invalidità.

La ricostruzione dell’accaduto riveste primaria importanza, in quanto le cartelle cliniche non sempre rispecchiano fedelmente il reale svolgimento dei fatti.  

3. Il medico legale si esprimerà sulla procedibilità del caso entro 30 giorni dal ricevimento della documentazione medica completa e redigerà una pre perizia scritta con un parere vincolante, con la quale spiegherà i motivi della procedibilità o della improcedibilità del caso.

La pre perizia è sempre sottoscritta e firmata da due medici, tra i quali il medico legale di direzione. 

Successivamente, nel corso di un incontro online su piattaforma telematica con le vittime o i loro parenti, il medico legale spiegherà i motivi per i quali li caso viene ritenuto procedibile. 

Il nostro team medico legale garantisce il risultato e, quindi, non percepirà alcunché in caso di esito negativo (pagamento PAY RESULT). 

Allo stesso modo, nemmeno il legale percepirà un compenso: NESSUN COMPENSO, SENZA RISARCIMENTO.

4. Redazione perizia medico-legale. Il passo successivo sarà la redazione della perizia medico-legale, sulla base della quale verrà incardinata la vertenza con i responsabili.

5. Invio della richiesta danni ai responsabili che avrà lo scopo di mettere in mora il medico e/o la struttura ospedaliera e interrompere i termini di prescrizione.

6. Eventuale trattativa con la struttura o con la sua compagnia assicurativa e, nel caso in cui non si raggiunga un accordo, redazione del ricorso per accertamento tecnico preventivo (696 bis c.p.c.).

Si tratta di un procedimento giudiziale molto veloce, con una sola udienza in quasi tutti i Tribunali Italiani e in due/tre udienze negli altri, nella quale viene nominato un medico-legale (oggi, con le nuove norme, affiancato da uno specialista) che è finalizzato al deposito di una consulenza tecnica "super partes" redatta dai consulenti medici del giudice (C.T.U.).

Quando l'esito è positivo e la perizia individua il nesso di causalità tra l'errore medico e il danno (decesso o lesione/invalidità), con ottime probabilità si giunge ad una transazione con la struttura ospedaliera o l'assicurazione della stessa.

Nella ipotesi in cui, invece, non si giunga alla predetta transazione si procederà con un giudizio ex art. 702 bis (molto veloce e consistente generalmente in una sola udienza) o con un giudizio ordinario, nei quali verrà acquisita la CTU espletata.

Lo SPORTELLO MALASANITÀ  – diversamente da altre organizzazioni più o meno serie che offrono servizi (legali o paralegali) in questa materia – non instaura azioni relative a pregiudizi futili, non supportate da un adeguato vaglio medico-legale o con finalità meramente speculative.

Non va dimenticato che la responsabilità sanitaria è una materia particolarmente complicata e che per avere successo, una posizione deve presentare tutti i requisiti necessari.

Contattaci immediatamente inviando una mail a: info@sportellomalasanita.it, oppure riempiendo il modulo sottostante.